Traumatologia dello Sport
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Traumatologia dello Sport

Lo sport fa bene, ma non sempre si riescono ad evitare traumi ed infortuni. Ogni sport, oltre alle problematiche generiche, presenta delle peculiarità

Cerca tra i nostri articoli

Lo sport fa bene, ma non sempre si riescono ad evitare traumi ed infortuni. Ogni sport, oltre alle problematiche generiche, presenta delle peculiarità

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Lesione del bicipite femorale e del retto femorale nel calcio

Le lesioni muscolari interessano gli arti inferiori e più precisamente i muscoli flessori della coscia : Bicipite femorale Semimembranoso Semitendinoso Sartorio I primi tre costituiscono il termine inglese " Harmstring " ed anche i muscoli " Ischiocrurali ": originano dalla tuberosità ischiatica e dal legamento sacro-tuberoso. Sono particolarment

Infortuni nello sport: definizione

È piuttosto difficile descrivere in cosa consista un infortunio sportivo perché, finora, la quantificazione degli infortuni sportivi ha risentito eccessivamente del punto di vista clinico: eziologia e diagnosi sono aspetti che hanno ancora un ruolo prioritario sia rispetto alla quantificazione della gravità di un infortunio, sia rispetto all'analisi di eventuali correlaz

Spalla: muscoli coinvolti nel movimento

Muscoli scapolotoracici Trapezio Romboidi Elevatore della scapola Dentato anteriore Piccolo pettorale Succlavio Muscoli che incrociano due o più articolazioni Grande pettorale

Gli infortuni nel calcio

Il calcio è uno sport di squadra ad impegno aerobico-anaerobico alternato ; è diffuso in tutti i continenti (in Europa ci sono all’incirca 25 milioni di praticanti e 250 milioni in tutto il mondo) e soprattutto conta milioni di tesserati nel nostro Paese. I suoi appassionati lo considerano “il gioco più bello”, “il più semplice”, meraviglioso, ma in realtà al s

Infortuni al piede nel calcio

Gli infortuni al piede nel calcio sono meno frequenti di quelli al ginocchio e alla caviglia . Le sue ossa si suddividono in tre gruppi: Tarso Metatarso Falangi In particolare, il tarso è costituito da sette ossa Talo Calcagno Cuboide Navicolare 3 cuneiformi il metatarso da cinque lunghe ed infine

Analisi degli infortuni al ginocchio nel calcio

Gli infortuni possono coinvolgere varie componenti del corpo umano, ad esempio muscoli, tendini, legamenti, articolazioni…. Gli arti inferiori costituiscono la sede più interessata dai traumi: molti studi ne hanno evidenziato il continuo incremento nel corso degli ultimi decenni, durante i quali sono passati da un 64% rispetto a tutte le lesioni rilevate nel 1980, all

Epidemiologia nel tennis

Il tennis è uno sport che si basa sulla coordinazione, sulla fluidità dei movimenti del corpo e su di un complesso di forze che spesso agiscono in modo contrastante provocando gravi problemi fisici. Ormai i tennisti professionisti e coloro che intraprendono la lunga strada del professionismo sono sottoposti a stress fisici notevoli. Si gioca tanto, in condizioni di gioco non omog

Asimmetria, infortunio e definizioni

Definizione di asimmetria Possiamo definire le asimmetrie funzionali come deficit di forza esistenti tra agonisti e antagonisti così come ad esempio le differenze di forza tra i due arti inferiori ( Sannicandro et al.,2011). Sarebbe più corretto definire tali asimmetrie, "imbalance", in quanto lo squilibrio riguarda i muscoli agonista e antagonista di uno stesso arto (es. quadri

Omero: analisi anatomica e articolare

È un osso lungo che forma lo scheletro del braccio. Si articola superiormente con la scapola e inferiormente con le due ossa dell'avambraccio, radio e ulna. È formato da un corpo e da due estremità, prossimale e distale. Il corpo dell'omero ha forma quasi cilindrica in alto, prismatica triangolare in basso. Presenta una faccia anteromediale, una faccia anterolaterale

Infortuni alla caviglia

La caviglia è formata dalle articolazioni tra tibia, fibula e astragalo; permette limitati movimenti di flessione dorsale (flessione) e flessione plantare (estensione). Presenta internamente tre articolazioni: Tibio-fibulare prossimale , situata tra la superficie postero- laterale della tibia e la testa della fibula Tibio-fibulare distale , situata tra le faccett

Asimmetria arti inferiori

Quadro di riferimento Uno degli aspetti della pratica sportiva giovanile è certamente rappresentato dalla ricerca dell'incremento delle capacità prestative dell'individuo , ma tale obiettivo non deve lasciare in secondo piano la necessità di tutelare il praticante dal rischio di infortunio. Il numero degli adolescenti che pratica sport negli Stati Uniti è in costante crescita neg

Scapola: anatomia, ruolo e funzionalità della scapola

È un osso piatto, sottile, di forma triangolare, con la base superiore e l'apice inferiore che si applica alla parte posterosuperiore del torace, a un livello compreso fra la terza e la settimana costa. Si descrivono una faccia anteriore o costale, una faccia posteriore o dorsale, tre margini di cui uno mediale o vertebrale, uno laterale o ascellare e uno superiore, ed infine tre

Modello di prestazione nel tennis assoluto

Oggi, il tennis è uno sport competitivo, attrae milioni di giocatori e tifosi di tutto il mondo. Il tennis è uno sport ricreativo che può essere praticato da persone con qualsiasi abilità di gioco, è uno sport individuale, una disciplina open skill e di tipo intermittente. Il tennis infatti fa parte di questa categoria di attività in relazione all'alternanza di fasi di gioco a impe

Biomeccanica della spalla

Il movimento del cingolo scapolare implica una reciproca coordinazione tra le articolazioni sternoclavicolare, acromioclavicolare, gleno-omerale e scapolotoracica, gestita dall'azione di circa 30 muscoli. Disarticolando la scapola , è stato osservato che l' articolazione sternoclavicolare può compiere movimenti di elevazione, depressione, protrusione, retrazione e rotazion

Modello di prestazione nel tennis giovanile

Pochi studi hanno affrontato le esigenze di prestazione dei giovani tennisti d'elite(12-16 anni) (Roetert et al., 1996). Drammatici cambiamenti negli attributi fisiologici si verificano in genere all'età di circa 12-15 anni , ma c'è un interindividuale variabilità nei tempi di maturazione. Per esempio, nell'età in cui si assiste a una notevole velocità di crescita è possibile nota

€ 0.00 0 prodotti
AREA RISERVATA