Diversamente abili
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Diversamente abili

Sport e movimento per i diversamente abili. Storia dello sport per disabili, gli sport praticati, la tecnica e la pratica sportiva

Cerca tra i nostri articoli

Storia dello sport per disabili

Si è iniziato a parlare di sport per disabili nel 1948, in Gran Bretagna, quando il neurochirurgo, direttore del centro di riabilitazione motoria di Stoke Manderville (vicino Londra), Sir Ludwing Guttman vide la possibilità per i portatori di handicap di svolgere attività sportiva (Pancalli, 2000). Grazie allo sport, i pazienti paraplegici del Dott. Guttman cominciarono a svil

Storia del Comitato Paralimpico Italiano

Se il movimento paralimpico internazionale deve la sua nascita al neurochirurgo inglese Sir Ludwig Guttmann 1 , il primo ad avviare alla pratica sportiva i reduci britannici che, nel corso della II Guerra Mondiale, riportando una lesione midollare, venivano ricoverati presso la "Spinal Injuries Unit" di Stoke Mandeville, il "Padre" della Sport Terapia e del paralimpismo in Italia è

Chi sono i disabili?

Nel 1908 l'OMS, pubblicò un primo documento dal titolo "International Classification of Impairments, Disabilities and Handicap" (ICIDH). In Italia la certificazione di Handicap prevista dall' articolo n° 3 della Legge 104/92 nasceva proprio dalle definizioni dell'OMS dell'ICIHD 1980 (Soresi, 1997). Il documento è propriamente un manuale di classificazione delle conseguenze de

Disabilità intellettiva

La disabilità secondo l’O.M.S. La terminologia suggerita è andata, nel tempo, modificandosi. Nel 1970 l' ICD (International Classification of Diseases) focalizzava l'attenzione sull'eziologia delle malattie. Nel 1980 l' OMS pubblicò un primo documento dal titolo International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps (ICI

Attività motoria nella disabilità

Il progetto di attività motoria adattata e anche ludico-motorio, ha riguardato un piccolo gruppo di sei adulti disabili composto da quattro maschi e due femmine che alloggiano in comunità presso la casa famiglia “SeicomeSei” della Cooperativa Perla Onlus . Le unità didattiche sviluppate a ogni lezione sono state “adattate” al fine di poter coinvolgere tutti

€ 0.00 0 prodotti
AREA RISERVATA