#anatomia
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

#anatomia

Tutti gli articoli presenti su NonSoloFitness contrassegnati con l'hashtag #anatomia. Clicca sul titolo o sulla foto per leggere l'articolo di tuo interesse. Se non trovi quello che stai cercando utilizza la ricerca di Google in fondo alla pagina: Google troverà per te l'articolo che cerchi sul nostro sito.

Cerca tra i nostri articoli

Infiammazione dell'articolazione della spalla

Nei tanti anni di allenamento e insegnamento in palestra, in svariate occasioni mi è capitato di osservare facce doloranti e frasi del tipo "devo sospendere gli allenamenti per un po' perché ho troppo dolore alla spalla!". Proprio così, le infiammazioni alle articolazioni delle spalle sono frequentissime nel nostro sport e quasi sempre sono causate dai nostri errori: post

Quando le ginocchia scricchiolano

In un precedente articolo ( Quando le ossa scrocchiano ) avevamo analizzato i motivi per cui capita che durante alcuni movimenti delle articolazioni del nostro corpo capiti spesso di sentire quei rumorini tipici di scrocchio articolare . In questo ci occuperemo concretamente di vedere i motivi per cui questi rumori avvengano in maniera specifica alle ginocchia . Anatomia dell'

Allenare i muscoli del piede

A qualcuno potrà sembrare un'ovvietà talmente banale da non meritare i 5 minuti di attenzione che la lettura dell'articolo richiederebbe, per altri invece sarà una novità sorprendente venire a conoscenza che anche i nostri piedi hanno dei muscoli . Se per la maggior parte della persone questa può essere considerata la "scoperta dell'acqua calda" agli stessi rispondo che esiste un

Muscoli stabilizzatori e CORE

Possiamo in generale dire che mentre i dischi intervertebrali e i legamenti danno un supporto intrinseco alla colonna vertebrale (vedi anche Il disco intervertebrale e I legamenti spinali , i muscoli ne danno un supporto estrinseco. La colonna vertebrale si mantiene eretta e mantiene la posizione fisiologica controllando l' adeguata stabilità delle curve grazie all'azione

La struttura anatomica del perineo

Per perineo s'intende il complesso delle parti molli che chiudono l'apertura inferiore del bacino, formando una specie di diaframma, il quale è attraversato dalla parte terminale del tubo digerente all'indietro, dalle vie urogenitali innanzi. Molti autori adoperano la denominazione di perineo anogenitale , per mezzo d'una linea che unisce le due tuberosità ischiatiche (muscolo

Infortuni nello sport: definizione

È piuttosto difficile descrivere in cosa consista un infortunio sportivo perché, finora, la quantificazione degli infortuni sportivi ha risentito eccessivamente del punto di vista clinico: eziologia e diagnosi sono aspetti che hanno ancora un ruolo prioritario sia rispetto alla quantificazione della gravità di un infortunio, sia rispetto all'analisi di eventuali correlaz

Stabilizzazione della colonna: ruolo dei muscoli del CORE

Comerford e Mottram hanno asserito che tutti i muscoli hanno l'abilità di accorciare e accellerare, in maniera concentrica, il movimento di mobilità, per mantenere isometricamente o allungare in maniera eccentrica e diminuire il movimento per la stabilità e per fornire afferenze propriocettive al sistema nervoso centrale (SNC) per la regolazione e coordinazione della funzione mus

Composizione corporea

Formule e definizioni Peso corporeo Massa magra Acqua totale corporea Massa proteica Massa minerale Glicogeno Massa grassa Il corpo umano è costituito da circa cinquanta elementi a livello atomico, di cui 98% è determinato dalla combinazione di carbonio, ossigeno, azoto, idrogeno, calcio e fosforo . A livello m

Postura

"Generalmente, la postura viene definita come la disposizione delle parti del corpo" 1 . Kendall trae questa definizione di postura da una relazione del Posture Committee dell'American Academy of Orthopedic Surgeon. Secondo De Col 2 essa "altro non è che la posizione che il corpo assume… adattandosi e opponendosi all'azione della forza di gravità che lo schiaccia verso i

Breve anatomia del tricipite brachiale

Il tricipite è il principale muscolo posteriore del braccio, formato da tre capi: Lungo Laterale Mediale Il primo origina dalla tuberosità sottoglenoidea della scapola, il secondo ed il terzo dalla faccia posteriore dell'omero. I tre capi convergono in basso su un robusto tendine che si inserisce sull'ulna. Il tricipite prende rapporto con il deltoi

L'importanza delle strutture nel mantenimento del CORE stability

La stabilità della colonna lombare è fornita da ossa, dischi, legamenti e strutture muscolari. La stabilità della colonna lombare richiede sia stiffness passiva , attraverso le strutture ossee e legamentose e stiffness attiva (vedi anche CORE stability del medesimo autore), attraverso i muscoli. Se alcune delle componenti attive e passive sono indebolite nella funzione, l'in

La contrazione muscolare

La funzione principale del muscolo è quella di generare movimento insieme all'apparato scheletrico. Per far si che questo avvenga il muscolo deve essere in grado di effettuare la contrazione . Una singola fibra nervosa va ad innervare un determinato numero di fibre muscolari. Le fibre sono formate da diverse fibre nervose definite: fibre intrafusali e fibre extrafusali .

Breve anatomia del trapezio

Il trapezio appartiene alla categoria dei muscoli estrinseci spinoappendicolari. È un potente muscolo di forma triangolare, largo ed appiattito, avente come ipotetica base l'asse della colonna vertebrale, dal cranio (linea nucale superiore) sino alla dodicesima vertebra toracica e, come vertice la regione scapolare. La faccia superficiale del contrae rapporto con i tegumenti

Cervello motorio

Nella seconda metà del diciannovesimo secolo, regnava la convinzione che le azioni eseguite dagli altri venissero riconosciute, percepite dal nostro cervello come qualsiasi altro stimolo visivo e che le aree motorie fossero regioni coinvolte esclusivamente nella pianificazione ed esecuzione dei comandi motori. In quest'ottica, il neurologo inglese John Hughlings Jackson diede

Biochimica della contrazione muscolare

Il muscolo può essere considerato una macchina che trasforma energia chimica in lavoro meccanico . Questa trasformazione ha luogo durante la contrazione muscolare ed è iniziata e mantenuta dagli impulsi nervosi che arrivano al muscolo attraverso il suo nervo motore. Sorgenti energetiche della contrazione Il termine fonti energetiche designa un gruppo abbastanza eterogeneo di

Il disco intervertebrale

I dischi intervertebrali si interpongono anteriormente tra due vertebre sovrapposte, sono di spessore proporzionalmente diverso a seconda del segmento di appartenenza: 3 mm circa nel tratto cervicale 5 mm circa nel tratto dorsale 9 mm circa nel tratto lombare I dischi sono formazioni fibro-cartilaginee dall'aspetto anulare perifericamente (anulus

Sarcopenia: definizione e eziologia

Il termine sarcopenia è stato coniato da Irwin Rosenberg (Senior Scientist Jean Mayer SDA HNRCA Tufts University Boston, MA) nel 1988 per definire la diminuzione di massa e di funzione muscolare legate all'età . Con tale termine si intende un processo fisiologico e non patologico, visto che all'incirca dai 40 anni in poi tutti iniziamo a perdere tessuto muscolare, intorno ai

I legamenti spinali

Elementi fibro-legamentosi che mantengono la stabilità e permettono la mobilità del rachide, assicurando la connessione tra le vertebre. Il compito dei legamenti è quello di limitare la mobilità del rachide sviluppando tensione passiva in grado di opporsi, insieme all'azione muscolare, ai momenti esterni prodotti da forze come la gravità o l'inerzia. I legamenti, come altri

Tipologia delle fibre in relazione alle diverse vie metaboliche

È possibile distinguere, anche dal punto di vista morfologico e anatomico, le fibre muscolari maggiormente coinvolte nelle attività di tipo aerobico o anaerobico. Nell'accezione funzionale esistono due tipi principali di fibre: Fibre veloci , che danno una contrazione massima, ma di breve durata e sono suscettibili all'affaticamento; Fibre lente , che prod

Acqua e corpo umano

L'acqua è il composto più diffuso in natura e rappresenta il componente principale di tutti i sistemi biologici e degli alimenti, ad eccezione di alcuni prodotti come i cereali e i derivati, i semi delle leguminose, i grassi da condimento e lo zucchero. L'acqua costituisce dal 40 al 70% della massa corporea individuale in relazione all'età, al sesso e alla composizione del c

I recettori del Sistema Tonico Posturale

L' apparato vestibolare è una struttura recettoriale situata nell'orecchio interno, fondamentale per la regolazione della stazione eretta, cioè per mantenere il baricentro del corpo costantemente all'interno del poligono d'appoggio. In altri termini, attraverso gli impulsi provenienti da questo apparato si può regolare finemente il tono muscolare, in maniera da fare assumere al

Diagnosi e prognosi della cirrosi biliare

Ad oggi, la cirrosi biliare viene diagnosticata più precocemente rispetto al passato con circa il 50-60% dei pazienti che sono asintomatici al momento della diagnosi (Prince et al., 2004). La diagnosi viene posta sulla base di tre criteri principali: Presenza di anticorpi anti-mitocondrio (AMA) dosabili nel siero Aumento degli genzimi epatici (soprattutto la f

Fegato: anatomia e funzione

Il fegato è un organo nel quale si svolgono importanti funzioni per l’intero organismo. Strategicamente localizzato a livello della parte alta dell'addome destro, il fegato ha come compito fondamentale quello di drenare il sangue di provenienza intestinale, catturarne le sostanze nutritive (derivanti dalla dieta) in esso contenute, metabolizzarle e distribuirle agli altri organi.

Cuore, cenni anatomici

L' apparato cardiovascolare è formato da un organo propulsore centrale, dal cuore e da numerosi canali ramificati chiamati vasi, nei quali circolano fluidi nutritizi, ossia il sangue e la linfa. Il cuore è l'organo centrale dell' apparato circolatorio sanguifero che permette la circolazione del sangue all'interno dei vasi sanguiferi, è un organo cavo, impari, prevalentemente m

€ 0.00 0 prodotti
AREA RISERVATA